mercoledì 20 febbraio 2008

Repressione CUBA, I Giorni della primavera nera 2003

Nella mattinata del 18 di marzo di 2003, la dittatura militare da Fidel Castro Ruz lancia una onda repressiva contra i giornalisti indipendenti, sindacalisti e gli avversari pacifici al regime. Di fronte alla crescente forza del movimento oppositore cubano, il governo ha deciso per la repressione, e sotto confusione internazionale della guerra di Iraq, pensando serviressi da copertura ai suoi eccessi, lancia la maggiore repressione contro l'opposizione, conosciuto come i Giorni della primavera nera di Cuba. Centinaia di agenti degli Offici di Sicurezza del Stato - la polizia politica cubana- lungo tutto il paese e in forma sincronizzata, irrompono in un centinaio di case, interrogando i loro abitanti, confiscando computer, macchine di fax, macchine da scrivere, foto; ed infine hanno arrestato a più di 70 oppositori politici, giornalisti indipendenti, difensori dei diritti dell'uomo, bibliotecari indipendenti e sindacalisti indipendenti.

per continuare a leggere.......


Blogalaxia Tags:

BLOG da CUBA, Generaciòn Y

RAI 3, canal de izquierdas, presenta a Yoani Sanchéz su blog Generación Y y sus verdades que son las mismas de CUBA.

martedì 19 febbraio 2008

CUBA Fidel Castro rinuncia, decisión UNILATERAL.



Per leggere il articolo in italiano, tradotto a cura di TELLUS FOLIO.

Los acontecimientos de las últimas semanas en mi país llevarían fácilmente a creer que las cosas en Cuba han comenzado a cambiar. Quizás sean nuestros deseos de ver cambiar las cosas lo que nos lleve a pensar que está posibilidad se está materializando.
Claro que leer una carta donde Fidel Castro, nuestro máximo líder y máximo dictador, renuncia finalmente a su cargo nos causa una alegría innegable pero sólo es una alegría pasajera, una esperanza,,,una ilusión colectiva.
Esta ilusión colectiva se desvanece justo en el momento que analizamos "los revuelos" de las últimas semanas.

Si partimos de la pregunta qué le falta a Cuba, y respondemos: Democracia, veremos que pocas cosas de lo acontecido indican un camino claro verso a este objetivo.

La historia de Eliécer Ávila Cicilia y todo su montaje:
No quiero repetirme, pero todo ha sido premeditado -a mi modesto modo de ver-más claro a los ojos, de muchos de los que hemos vivido en Cuba o seguimos de cerca las cosas que suceden de aquella parte, sabemos que este modo de girar las cosas son típicas del gobierno cubano y una de las razones por las cuales luego de 50 años están donde están.
L.Q.Q.D. las intenciones escondidas del gobierno de mostrar al mundo cuanta libertad de expresión existe en nuestro país y que fuera de esto NO nos esperemos NADA Más.
L.Q.Q.D. La Guerra mediática, será el lema futuro y la próxima guerra que sonará a los oídos del pueblo cubano en sustitución a la esperada invasión americana que nunca llegó.
Justificación esta además para NO dar acceso a Internet, porque si un soldado no está preparado para enfrentar las tergiversaciones de la red puede terminar fácilmente engañado del enemigo o lo que es peor traicionando a su país.
La liberación de los cuatro disidentes políticos:
Esta es otra señal; ¿señal de qué?
Señal que el orgullo y la arrogancia prevalece de frente a las decisiones importantes para el pueblo.
La frase enfatizada del Ministro de Asuntos Exteriores y Cooperación Miguel Ángel Moratinos, donde explica que "es una decisión unilateral de las autoridades cubanas,.... " refleja como para el gobierno de Castro es más importante que todos sepan que ha sido una decisión UNILATERAL que el propio hecho que un grupo de cubanos se estén pudriendo en la cárcel por arriesgarse a intentar cambiar las cosas en mí país.
L.Q.Q.D que NO hay esperanza inmediata para los prisioneros políticos a los cuales ellos continuarán a clasificar de terroristas y traidores a su patria.
Fidel Castro, EL DICTADOR, finalmente firma una carta donde dice y repite que NO aceptará ser reelecto, dice y repite ,señores, para que lo sepan BIEN esta es SU decisión UNILATERAL.

Para que NO rompamos la piñata antes de empezar la fiesta ACLARA:

..... "No me despido de ustedes. Deseo sólo combatir como un soldado de las ideas. Seguiré escribiendo bajo el título 'Reflexiones del compañero Fidel'. Será un arma más del arsenal con la cual se podrá contar. Tal vez mi voz se escuche. Seré cuidadoso"

L.Q.Q.D Este coma-andante seguirá como el perro del hortelano, ni come ni deja*. Así que cambios fin que Él respire NINGUNO.

Pues bien, NO puedo terminar sin nombrar un CULPABLE...¿existe?... NO..¿o sí?...ahora que pienso pues digo que la culpa la tiene quien ha eliminado el LIMBO,,,,,porque justo en el momento que FIDEL estaba en el limbo alguien propuso la eliminación de este lugar y la justicia divina ,indecisa, me lo ha devuelto a la tierra hasta que le terminen el pasaporte ONORIS CAUSA al infierno. CULPABLE!!!!!


DEMOCRACIA PARA CUBA
* proverbio
l.q.q.d: lo que queda demostrado.

lunedì 18 febbraio 2008

ITALY, tradiciones.

Las ciudades italianas en estos días se llenan de estos afiches con simpáticas caricaturas; son los recién graduados universitarios.
Los "amigos" de los graduados les gastan una broma representandolos en situaciones ridículas y escandalosas -muestro las fotos mejorcitas ....- Las imágenes pueden llegar a ser de muy fuertes, pero si esa es la tradición QUE VIVA!!, al menos aquí las tradiciones existen, en Cuba quedan muy pocas...!?
Pues no te caigas para atrás si paseando por una hermosa y antigua ciudad italiana ,a la alteza de tus ojos, te asalta uno de estos objetos anacrónicos.
En este papiro -así lo llaman- vienen descritos todos los desmanes de sus protagonistas durante los largos y dificiles años de estudiante.
¿qué te escribirían tus amigos si cayeras en una de estas trampas?





sabato 16 febbraio 2008

CUBA, VÉRTIGO.

titulo: En el ojo del ciclón.

Vendite dagli U.S.A. a Cuba arrivano a un nuovo record nel 2007

Avana (Reuters) - Produttori di Stati Uniti hanno venduto 437.5 milione dollari in alimenti in Cuba nel 2007, un nuovo record nonostante i reclami del stato cubano accusando a la amministrazione di George W. Bush di limitare il commercio.
I prodotti principali interessati dall'isola erano mais, pollo, frumento, prodotti della soia e del riso, secondo U.S.-Cuba Trade and Economic Council, un gruppo basato su New York quel monitora il commercio fra entrambi i paesi.
(rapporto di Anthony Boadle)

Per leggere tutta la notizia continua su
Yahoo notizie.


Dopo di leggere questa notizia, mi chiedo, non dicevano i governati cubani che c'era il blocco?
Il blocco ce certo, é nostro Governo che rimane bloccato nella sua incapacità.
??..O forze volevano un prestito dagli U.S.A e questi ultimi, cattivi imperialisti, non glielo hanno concesso.¿?...ma... e difficile capire il loro modo di ragionare.

domenica 10 febbraio 2008

CUBA, Estudiantes universitarios, critican el gobierno.


En tanto doy las gracias al blog de cubaindependiente a través del cual supe de esta noticia.
Hace dos horas navego en el web intentado crearme una idea exacta sobre este vídeo y su significado, así que explicaré como fui llegando a mis conclusiones.
Lo veo, fui feliz por un minuto - no está mal un minuto de felicidad- y pensé:

-mira, que bien!!!, las cosas quizás comienzan a cambiar por mi Cuba.

Continuo a observar el vídeo y me doy cuenta que no hay una continuidad del mismo, así que me asalta la primera la duda sobre qué cosa dejaron fuera o cortaron. Pero esto no importa, me autorespondo, porque lo que se ve es bastante polémico.

Sigo observando y veo que Eliécer Ávila lee de una esplendida agenda su pregunta, y ahora me viene otra duda, le falta espontaneidad a este muchacho -pienso- a diferencia del primero Alejandro que se ha expresado más abiertamente. Pueden ser los nervios, quizás, a fin de cuentas no se habla todos los días con el Presidente de la Asamblea Nacional del Poder Popular.

Enseguida me recordé de una amiga que una vez me confesó que cuando intervino en un congreso, su pregunta había sido escrita y preparada de otros, ella sólo la leyó. Recordé alguna que otra asamblea celebrada en la universidad cuando yo era estudiante todavía y los problemas, o muchos de ellos, se planteaban sólo que no venían nunca resueltos. Recordé las largas reuniones de los CDR, (comite de defensa de la Revolución, el nombre se explica por sí solo) que son el paño de lágrimas de muchos de los que todavía creen en el sistema.

Conclusiones, sin alargar demasiado, me parece todo un montaje del gobierno para hacer pensar a la opinión pública internacional que en Cuba las cosas están cambiando o pueden cambiar.
Estos jóvenes a los cuales admiro, (porque al menos han tenido coraje de poner la cara y porque en su sana inocencia me parece verme a mí misma como una vez), un día se despertarán del letargo en que el gobierno cubano los obliga cada día a vivir, y entonces encontrarán más fácilmente todas las respuestas a sus preguntas que para mí se resuelven sólo con la libertad y la democracia para Cuba.


El gobierno de la Habana CUBA si desea cambiar la opinión pública internacional debe liberar a los presos políticos y entonces el mundo comenzará a mirarles con otros ojos.


Te conozco chaleco aunque si te cortas las mancas -proverbio-......a otros con este cuento.
Debate abierto en GeneracionASERE, la página de la cubanía.

giovedì 7 febbraio 2008

Italia, Montagnana ciudad amurallada Veneta.



Entre la ciudades amuralladas del Veneto, Montagnana es aquella que mejor ha conservado sus murallas medievales.
La estructura de la ciudad, se percibe claramente del externo, con un breve giro alrededor del foso perimetral.
En el 1239, la ciudad, rechazó el primer ataque de Ezzelino III Romano, vicario del Emperador Federico II, pero fue derrotada en el 1242, año en el que alza la torre del Castillo San Zeno.
En el 1405 la ciudad se consigno a la República de Venecia - La Serenisima-. En el ocaso de su importancia estratégica militar, florecieron las actividades agrícolas, artesanales e comerciales que favorecieron el asentamiento de familias poderosas, ligadas al gobierno de la Serenisima.
A la caída del gobierno de la Serenisima, en el 1797, Montagnana siguió la suerte de el resto de la región Veneta. Con decreto del emperador Francesco I de Asburgo 1826 le fue asignado oficialmente el título de ciudad. En Julio de 1866 abrió las puertas a las tropas del ejército italiano, formando parte del nuevo Reino.
Durante la II Guerra Mundial la muralla no sufrió daños notables, excepto algún que otro cañonazo disparado contra la torre del Castillo de San Zeno.
Continuaremos este blogoviaje a través de las ciudades amuralladas de la Región del Veneto, Italia,,,,hasta la próxima.

mercoledì 6 febbraio 2008

ITALIA, Comincia il Reset?

ROMA - Il presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, ha ufficializzato con un decreto lo scioglimento del Senato e della Camera dei deputati. Una decisione presa, come lui stesso ha spiegato in una breve comunicazione ai cronisti, con il grande «rammarico di dover chiamare gli italiani alle urne senza che la riforma elettorale sia stata approvata».

El presidente de la República, Giorgio Napolitano, oficializa con un decreto la disolución del Senado y de la Camara de los diputados. Por desición del Consejo de Ministro Italia va en elecciones el próximo 13- 14 Abril.


Aquí todo se disolve (Italia),,,diverso de aquí todo se resuelve (Cuba).


Se acabó el carnaval!!! el mortadella* y sus productos derivados finalmente a casa. Italia necesita resetear, - reset- como dice el PepeGrillo. La ley electoral actual -causa principal de todos los males- no han podido cambiarla, por tanto todavía estamos en peligro de que los pequeños partidos pueden crear el CAOS nacional.


El presidente Romano Prodi, se despide aclarando que ahora hará el abuelo y que no se recandidará de nuevo a la elecciones por su partido. Simpático no?? luego de todo el desastre creo que sus palabras aclaratorias sobran, ¿pensaba alquien proponerlo de nuevo?


Lo aplaudo señor Prodi usted ha necesitado sólo dos años para reconocer sus errores; mi comandante (Fidel Castro) todavía está allá que piensa y piensa,,,,se recandida,,se recandida,,sin ida ida,,,,y de reconocer ERRORES, de eso ni hablar.


Rectificar es de sabios, FORZA ITALIA!!!! Ayyyyy... se me salió el plumero,,no se preocupen compañeros todavía no voto aquí.

* sobrenombre popular de Romano Prodi que vive en Boloña, ciudad de la mortadella.

martedì 5 febbraio 2008

AFGANISTÁN, su verdad detrás de un burka.


La historia de un pueblo, Afganistán,
a través de la vida de una mujer, Shirin-Gol.
Un estupendo libro que recomiendo a mis blogoamigos
si desean conocer realidades diversas.

La primera página cita esta frase:

"La paz no se puede mantener con la fuerza.
se puede obtener solamente con la comprensión. "
Albert Einstein


"La pace non si può mantenere con la forza
la si può ottenere soltanto con la comprensione."
Albert Einstein


domenica 3 febbraio 2008

Oscar Elías Biscet, Servire la vita.

,"Amare e servire la vita, dal suo inizio al suo naturale tramonto", ha esortato al termine della preghiera dell'Angelus il Papa Benedetto XVI di fronte a migliaia di fedeli, molti dei quali aderenti al Movimento per la vita.

L’ Italia si è svegliata questa mattina sotto questo richiamo alla riflessione sull'attitudine da assumere da parte delle famiglie di fronte all'aborto.

Approfitto dell’occasione per presentare questo coraggioso cubano che ha fatto della difesa del diritto alla Vita la sua principale bandiera. Considero la libertà di espressione una premessa insostituibile di ogni società che desidera il rispetto altrui. La patria è di tutti, e sarà nella tolleranza e il rispetto alle idee di tutti che dovrà crescere e sviluppare il suo futuro.


Oscar Elías Biscet è nato all’Avana, Cuba, il 20 luglio 1961, nell'ambito di una famiglia cubana di origine umile.
Nel 1985, si è laureato in medicina, specializzato nel campo della medicina interna.

Nel 1986 ha già condotto a termine la sua prima protesta per le lunghe ore senza pagamento che i medici cubani sono forzati ad offrire, ed è stato professionalmente sospeso da un anno dell'Ospedale Nazionale.

Nel 1987, ha iniziato a praticare ed insegnare medicina nell'ospedale ostetrico/Pédiatrico de Hijas de Galicia, alle L’Avana. Per fine degli anni 80, il dott. Biscet ha iniziato con le sue attività civiche manifestandosi contro gli abusi commessi dal regime castrista.

Durante l'anno 1994 gli hanno aperto un espediente dove è stato accusato de "pericolosità" dalle autorità cubane.

Nel 1997, il dott. Biscet ha creato la fondazione Lawton per i diritti umani, un'organizzazione umanitaria considerata illegale dalle autorità cubane, che cerca di promuovere in modo pacifico la difesa dei diritti umani, prendendo come base il primo dei diritti:
-Il Diritto alla Vita, e che sviluppa le sue azioni attraverso tattiche di disobbedienza civile non violente .
Nello stesso anno 1997 il dott. Biscet ha effettuato uno studio sulla pratica del aborto, documentando statistiche non ufficiali sulle tecniche di aborto utilizzate nell'ospedale Hijas de Galicia. Lo studio, che esponeva rivelazioni che rabbrividiscono sull'occupazione del Rivanol come metodo abortito, è intitolato
:
"Rivanol. Un metodo per distruggere la vita". In questo lavoro sono enumerati i metodi abortiti comuni utilizzati nel sistema sanitario e denuncia che la metodologia del Rivanol era conclusa nel caso della nascita del bambino vivo con la mancanza d'assistenza. Il lavoro denuncia anche che questa pratica aberrante era effettuata senza preliminare informazione al paziente di questa possibilità.
Per dirlo chiaramente: il dott. Biscet denuncia che questi bambini erano assassinati dopo essere nati, e che questa era una pratica comune in ospedali nell'isola. "Rivanol: un metodo per distruggere la vita" è stato reso pubblico nell’Aprile 1998 e consegnato al governo cubano, con una lettera a Fidel Castro il 9 giugno 1998, nella quale era denunciato il Sistema Sanitario Cubano per genocidio." Questo studio è stato tradotto in inglese e l'inviato alla Convenzione sui Diritti del bambino, a Ginevra, Svizzera.
Poco in seguito il dott. Biscet fa conoscere un documento intitolato: "Un atteggiamento che riguarda tutti" dove allerta sul problema dell’ aborto a Cuba, e sollecita appoggio soprattutto ai suoi colleghi. Con parole dirette indica: "nelle loro mani c’è il potere di detenere questo genocidio fatto legale, lei può dire no e con il suo appoggio fare cambiare questo procedure erronee nella nostra società". Il documento, come appare nello stesso testo, è stato distribuito ai medici presenti nell'ospedale.
Senza un momento di pausa, con i suoi scopi nobili e con il suo sacrificio illimitato, il 24 febbraio 1998 fa conoscere nell'ospedale in cui lavorava un testo come discorso sollecitando l'attenzione dei suoi colleghi sul rispetto al Diritto al Vita. Cosi c’è altro testo scritto negli stessi termini ed alla stessa data intitolato: "In difesa del Vita". La risposta delle autorità non si è fatta aspettare e nella stessa data nella quale si sono prodotti i fatti, per normativa del lavoro è stato espulso dell'ospedale, situazione che ha fatto conoscere immediatamente in un documento denuncia, il 25 febbraio lo stesso anno."
Nel febbraio 1998, il dott. Biscet è stato ufficialmente espulso del Sistema Sanitario Nazionale e da allora non gli hanno permesso di praticare la propria professione di medico nel proprio paese. Sua moglie Elsa Morejón, laureato infermiere di professione, è disoccupato anche per la sua attività pro diritti umani del suo coniuge ed ha dovuto dipendere dalla carità delle sue amicizie per sopravvivere.
Durante la messa storica del papa Giovanni Paolo II all’Avana nel gennaio 1998, la fondazione Lawton con i diritti umani ha effettuato, tramite manifesti, una richiesta di liberazione di tutti i prigionieri politici. Il dott. Biscet ha fatto un richiamo verbale nelle strade per giustizia nei tribunali dove giudizi arbitrari devono essere effettuati, e ha richiesto la libertà religiosa e la libertà d'espressione in manifestazioni pubbliche.
La fondazione Lawton che presiede il dott. Biscet, con altri gruppi di diritti umani, ha provato a stabilire una scuola di disobbedienza civile non violenta. Queste organizzazione di diritti umani ha inviato lettere attorno al mondo dei medici, a capi religiosi, funzionari dell'ONU, organizzazioni di salute, gruppi di diritti umani e dignitari, sollecitando solidarietà per Cuba. La fondazione Lawton ha effettuato marce pacifiche nei parchi durante l'anniversario della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, un documento che hanno distribuito a cittadini nelle strade mensilmente, ed ha denunciato abusi di diritti umani all’ Avana in conferenze in cui la stampa internazionale ha assistito.
Il 26 marzo 1999 alla Fondazione Lawton si sono uniti altri attivisti dei diritti umani dichiarando alla stampa internazionale che gli obiettivi seguenti dovrebbero essere raggiunti a Cuba per la via non violenta, considerando la Nazione cubana come una, inclusi anche quelli che risiedono in esilio fuori dell'isola:

1. Tutti i prigionieri politici devono essere liberati
2. Tutti gli articoli che violano i diritti umani dell'uomo devono essere aboliti.
3. La democrazia deve essere ristabilita a Cuba.

Del 7 giugno al 7di luglio 1999, uno degli eventi più significativi che l'opposizione pacifica cubana ha effettuato sotto la direzione della fondazione Lawton. Un gruppo di attivisti con i diritti umani all’Avana, ha iniziato uno sciopero della fame di quaranta giorni ingerendo soltanto liquidi, ad esigere la messa in libertà di tutti i prigionieri politici ed attirare un'attenzione alla violazione dei diritti umani a Cuba. Quest'attività si moltiplicò da parte di tutto il paese e migliaia di Cubani si sono uniti in 54 posti per fare digiuno; i suoi compatrioti in esilio attorno al mondo sono stati uniti al digiuno in solidarietà. Membri della stampa internazionale hanno coperto l'evento e diplomatici stranieri hanno visitato il piccolo appartamento in Tamarindo 34, all’Avana. Il digiuno di Tamarindo 34, come è arrivato a essere conosciuto, tirò fuori dall’ apatia buona parte dell'opposizione pacifica Cubana, dando un esempio di sacrificio alla causa della difesa dei diritti umani a Cuba.
Concludendo il digiuno, 40 giorni dopo cominciato, il dott. Biscet dichiarava la sua opzione con non-violenza affermando che aveva acquisito la capacità di amare i suoi nemici, sostituendo la violenza, la rabbia, la vendetta ed l’ odio con la giustizia ed il perdono. Con una proverbiale frase conclude: "più il cammino dei giusti è come la luce dell'alba, che va aumentando fino a che il giorno sia perfetto". Ed a linea avvicinata indica: "e questa perfezione in libertà emana da dio".
Dopo essere stato protagonista del digiuno, il dott. Biscet è stato oggetto di 26 detenzioni arbitrarie in un periodo di 18 mesi e sottoposto a trattamenti crudeli, inumani e degradanti.
Il dott. Biscet è stato detenuto il 3 novembre 1999 e trattenuto nella prigione del dipartimento tecnico di ricerche situato nelle strada Cien ed Aldabó, all’Avana. In accordo con il sig. Sergio Hernandez - l'avvocato difensore assegnato dallo Stato - gli archivi mostrano che il dott. Biscet era stato ufficialmente accusato di crimini chiamati :
" disonorare i simboli nazionali", "disordine pubblico," ed "incitazione ad attività punibili" con il quale il Fiscale dello stato della Repubblica di Cuba chiedeva una sentenza di dieci anni.
Due eventi erano in relazione con questi carichi.
Il primo, il 22 febbraio 1999, al dott. Biscet è stato accusato di "condotta inadeguata" per avere organizzato una protesta pacifica pro-vita di fronte all'Ospedale Hijas di Galicia all’Avana quando invece, lui, la signora Migdalia Rosado ed altro attivista pacifico per i diritti umani, lo sono stato selvaggiamente colpiti. Il direttore dell'ospedale, la Dra. Laura Fernàndez, e la Dra. Norma Silva, capo della parte comunista, ha diretto l'attacco condotto da una folla di medici, colleghi del dott. Biscet.
Il secondo incidente, è avvenuto nei giorni prima della Conferenza Iberoamericana all’Avana e il motivo è che si accusa il dott. Biscet dei tre crimini citati precedentemente.
La Fondazione Lawton per i diritti umani ed i numerosi membri di altri gruppi del movimento d'opposizione ha tenuto una conferenza stampa il 28 ottobre 1999 per annunciare una marcia pacifica all’Avana per richiedere con la libertà di tutti i prigionieri politici ed i diritti umani a Cuba. In questa conferenza due bandiere cubane sono stati mostrate in una posizione verticale invertita come segnale di protesta delle violazioni dei diritti umani a Cuba (questi attivisti pro-diritti umani che hanno provato a prendere parte questa marcia sono stati brutalmenti colpiti da folle al servizio del governo e due di loro sono state messi in prigione).
Dopo questi carichi il dott. Biscet è stato condannato a 3 anni di prigione che ha compiuto nella prigione "Cuba si" vicino a Holguín, Oriente, situato nella parte orientale di Cuba, a centinaia di chilometri della sua casa all’Avana, cosa che ha ostacolato la visita de suoi familiari in quelli anni.
Questo medico cubano, dichiarato
prigioniero di coscienza da Amnistia internazionale dal 1999, è un cristiano devoto, favorevole delle filosofie di Gandhi e Martin Luther King, Jr. è stato maltrattato fisicamente e psicologicamente, soffrendo colpi, minacce, umiliazioni, ricatti, intimidazioni, interrogatori ed imprigionamenti in cellule con individui con incapacità mentali e criminali comuni. Varie volte, Sicurezza di Stato ha intentato sottoporre al dott. Biscet ad esami psichiatrici in Mazorra (l'ospedale psichiatrico dell’Avana) e lo ha fatto pressione perché esca da Cuba, a questo il dott. Biscet risposto che “lui non abbandonerà mai il suo paese”.
Dopo avere compiuto i suoi 3 anni in prigione, alla fine del 2002, il dott. Biscet è stato messo in libertà e gli hanno permesso di tornare alla propria casa.
Ma, appena un mese in seguito, quando era preparato per riunirsi con una delegazione di attivisti di diritti umani nella provincia di Matanzas, la polizia segreta lo ha fermato con molto dei delegati.
Dopo molti mesi in prigione, nel 2003, il dott. Biscet è stato recentemente accusato di attività pericolose per la sicurezza dello Stato.
(Legge 88 chiamata la legge Mordaza/cerotto). In questa occasione è stato condannato a 25 anni di prigione.
Il dott. Biscet compie questa condanna in condizioni inumane, lui i è punito in celle sigillate, in numerose occasioni è stato mantenuto in una cellula sotterranea durante mesi e lo hanno chiuso con prigionieri comuni. Si è mantenuto anche per lunghi periodi isolato senza occasione di visite del suo coniuge che, membro di Le Damas de Blanco, è stato premiata recentemente con
il Premio Sajarov 2005.
Firme nelle sue domande di giustizia fino alle quali a Cuba ottiene la sua libertà, il dott. Biscet si trova in buono stato di animo e spirito oltre ai maltrattamenti ai quali è sottoposto.
In una visita recente alla prigione da parte della sua madre, il dott. Biscet ha inviato un messaggio al suo coniuge Elsa, chiedendo che i suoi fratelli e sorelle cubani nell'isola ed in esilio di unirsi in orazione con la Comunità internazionale dalla libertà di tutti i prigionieri politici e con la libertà d'espressione a Cuba. Così espresso la sua gratitudine a tutti quelli che si sono preoccupati per il suo benessere, particolarmente i suoi colleghi della professione medica.
Il dott. Oscar Elías Biscet, ha offerto la sua vita donandola interamente alle sue attività pacifiche per i diritti umani e come difensore del valore della vita umana. La sua proposta al premio Principe delle Asturie del Concordia è in sé stessa una denunzia sul suo imprigionamento ingiusto poiché il suo solo crimine è stato di onorare la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani nel suo proprio paese.

DOTT. OSCAR ELIAS BISCET GONZALEZ prigione composto dell'Est, edificio 2, primo piano, ala Sud separazione 15, Compagnie 2113 - L'Avana, Cuba

Coniuge del dott. Biscet: Elsa Morejon HernándezAcosta 464 et/8va e 9va, Lawton, Ciudad de la Habana, Cuba Telefono: 53.7.991774

fuente en español Biografía de Oscar Elias Biscet